Le acque sotterranee: risorsa da salvaguardare e da temere

Idrogeologia

Proff. Laura Scesi e Donatella Sterpi

Edizioni disponibili nel 2022:

gennaio-febbraio
febbraio-marzo

Le acque che si trovano nel sottosuolo e che derivano dall’infiltrazione delle acque piovane, dalla fusione delle coltri nevose o dalle perdite dei corsi d’acqua superficiali costituiscono una risorsa indispensabile per la sopravvivenza delle specie viventi. Sul totale di acqua dolce, che rappresenta solo il 2,5% dell’acqua presente sulla terra, le acque dolci superficiali costituiscono una percentuale minima, mentre le acque dolci sotterranee sono preponderanti. Ecco quindi che la gestione, lo sfruttamento e la salvaguardia delle risorse idriche sotterranee sono di vitale importanza per tutti noi. L’idrogeologia è la scienza che studia le acque sotterranee ed è finalizzata:
1) all’identificazione delle strutture acquifere sia nei terreni che nelle rocce;
2) alla definizione dei principali parametri idrogeologici, quali porosità, permeabilità, trasmissività ecc.;
3) alla caratterizzazione del movimento delle acque sotterranee, tramite la definizione delle relative leggi di moto, quali ad esempio la Legge di Darcy e di Dupuit. Lo studio delle acque sotterranee è importante anche per altri aspetti non secondari: tali acque possono infatti interferire con la realizzazione e la vita di strutture e infrastrutture realizzate dall’uomo, quali strade, gallerie, dighe ecc., e possono rappresentare uno dei fattori di innesco dei movimenti franosi

Le acque che si trovano nel sottosuolo e che derivano dall’infiltrazione delle acque piovane, dalla fusione delle coltri nevose o dalle perdite dei corsi d’acqua superficiali costituiscono una risorsa indispensabile per la sopravvivenza delle specie viventi. Sul totale di acqua dolce, che rappresenta solo il 2,5% dell’acqua presente sulla terra, le acque dolci superficiali costituiscono una percentuale minima, mentre le acque dolci sotterranee sono preponderanti. Ecco quindi che la gestione, lo sfruttamento e la salvaguardia delle risorse idriche sotterranee sono di vitale importanza per tutti noi. L’idrogeologia è la scienza che studia le acque sotterranee ed è finalizzata:
1) all’identificazione delle strutture acquifere sia nei terreni che nelle rocce;
2) alla definizione dei principali parametri idrogeologici, quali porosità, permeabilità, trasmissività ecc.;
3) alla caratterizzazione del movimento delle acque sotterranee, tramite la definizione delle relative leggi di moto, quali ad esempio la Legge di Darcy e di Dupuit. Lo studio delle acque sotterranee è importante anche per altri aspetti non secondari: tali acque possono infatti interferire con la realizzazione e la vita di strutture e infrastrutture realizzate dall’uomo, quali strade, gallerie, dighe ecc., e possono rappresentare uno dei fattori di innesco dei movimenti franosi